Il Sistema legale giapponese Pt. 2 日本の法律 Turista arrestato in Giappone とんでもない理由で観光客が大砲された

luglio 27, 2009

Dal Japan Times, la traduzione di una lettera di Brian Hedge. Ancora una volta la polizia giapponese fa figure di merda (ma tanto cosa frega a loro?). Questo dopo una lunga serie di prevaricazioni (tra le ultime, il fermo del creatore di Death Note e controlli forzati delle urine… se ve lo chiedono, non fateli. Rispondetegli in modo calmo che non possono farlo, che per farlo devono portarvi al comando, che per portarvi al comando devono spiegarvi perché… vi lasceranno perdere).

All’attenzione del governo giapponese e delle autorità di polizia,
Scrivo questa lettera a tutti voi perché credo che sia nel vostro interesse comprendere quanto sia pericoloso per i turisti visitare il Giappone.
Il 2 luglio 2009 a Shinjuku un turista statunitense di 74 anni è entrato in una stazione di polizia per chiedere informazioni. All’interno del kōban si trovavano un agente più anziano (superiore) ed uno più giovane (recluta?).
Il turista ha chiesto dove si trovasse la libreria Kinokuniya e l’agente ha risposto chiedendo al turista se avesse con sé un coltello tascabile. Dato che è un cittadino che rispetta la legge, il turista ha risposto di sì e lo ha dato all’agente anziano. Dopo una rapida misurazione della lama, l’agente ha arrestato il turista 74enne per possesso di coltello tascabile con lama di 1 cm al di sopra dei limiti consentiti.
La parte della notizia più sorprendente è che la revisione della legge sui coltelli era soggetta a moratoria fino al 5 luglio, cioè i possessori di coltelli che violano le nuove regole avevano tempo fino al 4 luglio per sbarazzarsene! Inoltre altri due turisti statunitensi sono stati arrestati lo stesso giorno presso lo stesso kōban.
La conclusione è che il turista è stato tenuto 9 giorni in cella. Benvenuti in Giappone!
Domande:
1. Come possono dei turisti non informati sapere che è proibito portare coltellini tascabili?
2. Cosa devono fare i turisti se la compagnia aerea, le autorità di immigrazione statunitensi e giapponesi non li avvisano di queste leggi?
3. Come possono i turisti sapere quanto possano essere illogici e arretrati i poliziotti giapponesi se le agenzie di viaggio non li avvisano?
4. Perché mai dei turisti gaijin dovrebbero venire in un paese che li considera criminali?
5. Come mai i cittadini giapponesi non vengono arrestati se infrangono la stessa legge?
L’uomo di cui sopra non solo è vecchio e debole ma è anche una persona incredibilmente gentile e innocua. Porta con sé il coltellino ovunque, si tratta di un oggetto molto piccolo e pratico. Ovviamente comprendiamo che la legge è legge, qui nessuno vuole che si infrangano leggi in un paese ospite, ma la realtà è che è assolutamente ingiusto prendere di mira dei turisti che non hanno alcuna conoscenza delle leggi nipponiche, specialmente se si tratta di leggi soggette, ancora per un paio di giorni, ad una moratoria per i cittadini giapponesi.
Questo cittadino statunitense non è mio padre, ma un amico di mio padre ed era venuto in Giappone per la prima volta. Appena ho scoperto questa situazione mi sono sorpreso e tubato parecchio, proprio come lo sareste voi.
Ora mi sento obbligato a gettare luce sul fatto che il Giappone è un luogo terribile da visitare ed estremamente pericoloso se non siete giapponesi. È incredibile che un turista in Giappone debba temere più il governo o la forza di polizia nazionale che i cittadini.

Siamo nel 2009, non nel 1809! È ora che il governo e il popolo giapponese trattino gli stranieri come esseri umani non diversi da sé – con rispetto e umiltà.

Annunci

1 take off 1 jastema, 1 landing one jastema

luglio 27, 2009

Un totale di 2 jasteme

Jastema perché la famiglia cinese di cui mi sonon trovato circondato aveva due bimbe tanto carine quanto scassacazze che non mi hanno fatto chiudere occhio per 13 ore di seguito….

Jastema perché mi hanno perso la valigia. Insomma, o la perdo io qualcosa o la perdono loro… non puoi salvarti… MANNAGGIASANT!!!

P.S. chiedo scusa per la mancata messa in onda di mankopakapa, ma sono stato impegnato… quanto prima un surrogato